Get Adobe Flash player

Alaska o no ?

Il nostro breve passaggio in Canada ci ha offerto l’inattesa possibilità di prolungare il nostro soggiorno americano…

Ma riassumiamo i fatti :

Il doganiere di Miami che ha tamponato i nostri passaporti quando siamo entrati negli USA due mesi fa si è sbagliato di data…. Non abbiamo pensato di verificare la qualità del suo lavoro, sicuri di avere ottenuto i nostri 90 giorni di permesso di soggiorno ed incapaci di immaginare che c’è ne aveva mangiati trenta.

Ed e’ così che andando a piedi questa mattina al posto di frontiera di Port Chief Mountains, ci gettiamo un po’ nella tana del lupo. Scopriamo allucinati, allo stesso tempo che l’ufficiale, che siamo fuori legge da tre giorni.

Senza ESTA ne VISA, la situazione prende subito un aspetto tragi-comico… I nostri amici di Lady Helen avevano effettuato un passaggio nella casella prigione con le loro due piccole figlie per molto meno!
L’agente contatta il suo superiore ed invita Boris a sedersi …. Non che desse l’impressione di voler fuggire ma, non si sa mai, gli ingiunge di aspettare un chiarimento ….

Le notizie arrivano presto. Miami si è sbagliata. Noi siamo in regola , anche se i nostri passaporti dicono il contrario.

Scroscia la pioggia. La giornata si annuncia lunga in questo posto avanzato dello Stato che solitamente vede passare solamente degli orsi persi e dei branchi di bisonti . Allora gli agenti del governo che avrebbero potuto lasciarci uscire senza dirci niente e compromettere così il nostro rientro, si arrangiano per metterci in regola …

A loro richiesta, effettuiamo due giri di pista …. Usciamo dagli Stati Uniti per entrare in Canada. Sotto l’occhio divertito degli ufficiali imperiali, facciamo immediatamente dietro-front per ripresentarci al posto dei loro colleghi americani ! Ci validano una nuova entrata per 90 giorni , ovvero fino alla fine di agosto, prima di lasciarci girare intorno alla loro pila di barriere per uscire dagli USA ed entrare finalmente … In Canada!

Tre ore e qualche inghippo dopo siamo quindi liberi di circolare su tutto il continente nord americano per ancora per tre mesi .

Ma cosa ne faremo di questa nuova libertà di data ?

Due mesi d’estate , sono largamente sufficienti per spingere il nostro viaggio fino in Alaska… O no !

Les commentaires sont fermés.